Condividi:


Coronavirus, Conte: "Stress preoccupante del sistema sanitario, muoversi solo per necessità"

di Redazione

Il premier: "Bar e ristoranti chiudono alle 18, ai tavoli massimo 4 persone. Evitiamo un secondo lockdown per preservare l'economia"

"La diffusione del contagio e lo stress del sistema sanitario nazionale hanno raggiunto livelli preoccupanti." - Così il premier Giuseppe Conte apre la conferenza stampa con cui ha presentato le novità del nuovo Dpcm - L'Indice RT ha raggiunto la soglia di 1,5, l'elevato numero di persone contagiate dal covid ha raggiunto ieri quota 20 mila. Questo rende difficile anche il tracciamento, vogliamo tenere sotto controllo la curva epidemiologica. Solo in questo modo riusciremo gestire la pandemia, questo significa permettere al sistema sanitario di respirare, significa evitare un secondo lockdown e preservare l'economia. Dobbiamo fare il possibile per proteggere insieme la salute e l'economia, da qui la necessità di introdurre misure più restrittive."

"Bar, gelaterie e ristoranti chiuderanno alle 18, tutti i giorni compresi i festivi. Dopo le 18 potranno operare per l'asporto. Ai tavoli massimo 4 persone, salvo nuclei familiari. È vietato consumare cibi e bevande nelle strade dopo le 18. Chiudono le piscine, centri, benessere e termali, teatri, parchi divertimenti, cinema, sale da concerto. Restano aperti i musei. Tutte le fiere sono sospese, come le competizioni sportive tranne quelle professionistiche a livello nazionale. Continuerà l'attività degli sport non da contatto. Per le scuole incrementiamo la DAD almeno al 75%, incentiviamo lo smart working e lo raccomandiamo anche nelle aziende private. Incrementando lo smart working e la Dad confidiamo di allegerire l'afflusso sui messi pubblici."

"Non abbiamo introdotto il copiifuoco ma chiediamo di muoversi solo in caso di necessità, per motivi di salute, studio o lavoro. Chiediamo di evitare di ricevere a casa persone che non facciano parte del nucleo familiare. La pandemia sta creandop disuguaglianze, persone meno tutelate che non possono contare sullo stipendio, mi rendo conto dei nuovi sacrifici che chiediamo ad esempio a ristoratori o proprietari di palestre. Non mi piace fare promesse ma prendo un impegno: sono pronti gli indennizzi per coloro che saranno penalizzati da queste norme. Voglio ringraziare tutti quelli che hanno lavorato con noi. I ristori arriveranno direttamente sui conti correnti con bonifico bancario dall'Agenzia delle Entrate. Arriveranno nuovi contributi a fondo perduto, crediti di imposta, verrà cancellata la seconda rata Imu, verrà confermata la cassa integrazione, una tamtum per alcune categorie e offriremo misure di sostegno a favore della filiera groalimentare. In questo modo chi sarà costretto a sospendere la prorpiaattività potrà gioarsi di un sostegno economico. L'Italia riesce sempre a dimostrare la propria forza, se rispetteremo queste regole la curva epidemiologuca sarà sotto controllo. Affrontremo così dicembre e le feste con maggiore serenità. Se a dicembre arriverà il vaccino potremo intervenire subito per consegnare le prime dosi a chi è esposto alpericolo. L'Italia è un grande paese e lo ha già dimostrato in primavera."