Condividi:


Alla Claque tutti i giovedì gli astronauti della risata, i Pirati dei Caruggi

di Giulia Cassini

Il nuovo spettacolo "Abelinauti" sigla la quinta stagione sul palco nel cuore di Genova

Enrique Balbontin, Alessandro Bianchi, Fabrizio Casalino e Andrea Ceccon, alias Pirati dei Caruggi, si rimettono in discussione alla Claque. Troppo comodo sarebbe utilizzare i grandi classici come “Dal benzinaio”, “Il gruppo di Auto Aiuto”, “L’ufficio del Turismo”, “I bagnini”, che fanno anche parte del dvd “Torta di Riso Infinita”, quello che propongono oggi è pura sperimentazione.

I Pirati dei Caruggi hanno di fatto aperto, nella serata del 23 gennaio, la loro quinta stagione alla Claque con il pubblico di appassionati che hanno seguito tutte le edizioni in questo tempio dell’intrattenimento indipendente. Basta gettare la bussola e farsi trascinare dalle risate in un viaggio che dalla sedia del locale porta negli abissi di Ventimila pieghe sotto i mari, fino alla scoperta del passaggio a Genova-ovest o a nuoto sino a Kyoto. E’ solo un assaggio dello show in divenire “Abelinauti” che torna tutti i giovedì sera dalle 21:30 alla Claque. Tante poi le battute (con tanto di indici di gradimento), le improvvisazioni, le canzoni e l’attualità rivista che supera la fantasia come il caso di Gwyneth Paltrow e delle candele profumate alle parti intime.

In sala c’è anche chi ricorda la provocazione sui social di Ornella Vanoni sul Festival di Sanremo e sulla Paltrow: “Intorno al palco dell’Ariston invece dei fiori si potrebbero mettere tante candele dell’attrice americana”, ma questa è, seppur relativamente, un’altra storia. Del resto anche i Pirati saranno presto in modalità Sanremo e anticipano i tempi in radio ad esempio, certi anche di avere altri mirabolanti spunti durante la kermesse. Alla fine è un nuovo spettacolo, nuovissimo, sagace e ironico, sempre con lo stesso fine: divertire (e divertirsi) ad ogni costo. Ottima la risposta del pubblico.  Informazioni e prenotazioni allo 0102470793.