Canale di Panama, l'Autorità rinvia gli aumenti delle tariffe

di Edoardo Cozza

Partiranno dal 1° giugno. Ampio consenso da parte del mondo della navigazione

Canale di Panama, l'Autorità rinvia gli aumenti delle tariffe

L'Autorità del Canale di Panama (Acp) rinvierà gli aumenti dei prezzi per i diritti di transito: partiranno dal 1° giugno. L'annuncio è arrivato a seguito della lettera congiunta inviata da Ics, Asa ed Ecsa in cui si esprimeva preoccupazione per il livello dei prezzi che sarebbero entrati in vigore.  ACP ha collegato l'aumento delle tariffe al variare delle condizioni di domanda e offerta per il servizio che offre: il Canale di Panama è una delle rotte marittime più trafficate del mondo con il numero di transiti annuali che ha toccato quasi quota 14.000.

Il rinvio dell'aumento delle tariffe permetterà all'industria marittima di adeguarsi alle novità con più calma. L'annuncio per il settore è stato dunque accolto con sollievo, anche a seguito della crisi e delle interruzioni legate alla pandemia del covid-19: praticamente unanime l'elogio per la decisione di Acp e l'accoglimento con favore della prosecuzione della comunicazione sulle questioni centrali per preservare la supply chain.