"Boccadasse pulita e differenziata", il progetto per la lotta ai rifiuti nel borgo

di Alessandro Bacci

Stipulata una convenzione tra Amiu e l’Associazione “Ambiente ed Energia al Quadrato” per disincentivare i comportamenti scorretti

Nell’antico borgo marinaro di Boccadasse per AMIU Genova, Comune e Municipio Medio Levante è emersa la necessità di disincentivare comportamenti scorretti come l’abbandono in strada dei rifiuti che si verificano soprattutto nel corso del weekend. A questo proposito è stata stipulata una convenzione tra AMIU e l’Associazione “Ambiente ed Energia al Quadrato”, in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente e rifiuti del Comune di Genova per promuovere la raccolta differenziata e la pulizia del borgo con il progetto “Boccadasse pulita e differenziata”.

A partire da venerdì 11 giugno fino al 26 settembre, l’Associazione costituita da ex dipendenti del Comune di Genova compresi vigili in pensione, metterà a disposizione due volontari, dal venerdì alla domenica, dalle 18.30 alle 22.30 - ospitati in un locale messo a disposizione dal Municipio - per garantire le attività di presidio e informazione sulla riduzione dei rifiuti, la raccolta differenziata e consegnando dépliant informativi. I volontari saranno riconoscibili grazie a pettorine con scritto “INFORMATORI AMBIENTALI”. Inoltre, distribuiranno dei piccoli posacenere per i mozziconi di sigarette per evitare che finiscano in mare e svolgerà piccoli interventi di pulizia manuale dell’area pubblica del borgo.

"Finalmente, con l’arrivo della bella stagione e la fine del lockdown - dichiara l’Assessore all’ambiente del Comune di Genova, Matteo Campora - turisti e genovesi sono tornati a frequentare Boccadasse. Un ritorno alla normalità che richiede uno sforzo supplementare da parte di AMIU e dell’Amministrazione per tutelare la bellezza e garantire la migliore fruibilità possibile a questo incantevole borgo. Il potenziamento del servizio di raccolta rifiuti, unito alla preziosa attività di pulizia e di sensibilizzazione dei volontari dell’Associazione “Ambiente ed Energia al Quadrato”, ci aiuterà a rafforzare il senso civico dei cittadini e a conservare intatto lo splendore di Boccadasse".

L’antico borgo marinaro, dalle case color pastello che incorniciano la piccola baia, è un vera pietra preziosa incastonata nella nostra costa cittadina e, proprio per le caratteristiche attrattive e turistiche, il Consiglio comunale sta completando le pratiche per il riconoscimento della baia genovese a patrimonio dell’Unesco. "Boccadasse non è l’unico gioiello della nostra città - spiega Pietro Pongiglione, Presidente AMIU Genova - ma sicuramente è uno dei più caratteristici. Una spiaggia vissuta, visitata, fotografata e ammirata non solo dai genovesi e dai liguri ma da tante persone provenienti, in pratica, da tutte le parti del mondo. Siamo in un momento di ripartenza generale dopo la pandemia, che non ci trova impreparati perché sappiamo che molti visitatori verranno e ritorneranno nella nostra città. Il servizio di AMIU nella cura di questa piccola perla – prosegue Pongiglione – è sempre stato attento, ma proprio il grande afflusso di persone deve essere supportato oltre che da un nostro servizio puntuale, anche da un’attenzione al senso civico dei visitatori e dei frequentatori del borgo. Questi volontari potranno aiutarci moltissimo e sia nelle attività di sensibilizzazione ambientale sia nella realizzazione di una corretta raccolta differenziata anche durante i momenti di relax e di festa".

AMIU da giugno a settembre provvede allo svuotamento dei cestini, allo spazzamento e pulizia del borgo 2 volte al giorno dal lunedì al sabato e ben 4 volte al giorno la domenica e nei giorni festivi. Da ottobre a dicembre, invece, gli interventi di svuotamento e pulizia programmati sono: una volta al giorno dal lunedì al venerdì e due volte al giorno il sabato e la domenica.