Black Lives Matter, il flash mob di Genova si trasforma in una manifestazione

di Redazione

Un migliaio di persone in corteo tra le vie del centro in ricordo di George Floyd, il 46enne ucciso a Minneapolis

Un flash mob sotto il ponte Monumentale di Genova in ricordo di George Floyd, il 46enne di Minneapolis ucciso da un poliziotto che per nove minuti gli ha puntato sul petto un ginocchio fino a soffocarlo. L’appuntamento era alle 10 in via XX settembre sotto il Ponte Monumentale. Dopo il flash mob i tanti giovani presenti hanno dato vita a una vera e propria manifestazione con un corteo che ha raggiunto prima piazza De Ferrari e poi Caricamento. 

Circa un migliaio di persone hanno sfilato tra le vie del centro della città. Una manifestazione non autorizzata dalle forze dell'ordine. Il breve flash mob in via XX Settembre, però, ha spinto i manifestanti a unirsi e a manifestare insieme. L'iniziativa ha raccolto il favore di molte più persone del previsto, secondo le prime stime sono oltre un migliaio. Ad organizzare la manifestazione sono due giovani genovesi attiviste del movimento internazionale #blacklivesmatter. Nel pomeriggio è prevista un'altra iniziativa alle 15.30 sotto la sede del consolato Usa a Genova.

Gli animi si sono scaldati intorno alle 11.30 quando un'auto si è fermata in mezzo alla sopraelevata e due persone, probabilmente antagonisti, hanno acceso due fumogeni e appeso uno striscione: "Racism police Usa Kills". Una manovra estremamente pericolosa, sulla sopraelevata vige il divieto di fermata.