Liguria, Alisa replica ai dati forniti dalla Fondazione: "Terapie intensive ben lontane da saturazione"

di Redazione

L'incremento dei positivi, per Alisa, è legato alla registrazione dei tamponi rapidi retroattiva. "Su 219 posti letto di terapia intensiva, ne sono occupati 40"

Liguria, Alisa replica ai dati forniti dalla Fondazione: "Terapie intensive ben lontane da saturazione"

Alisa, attraverso una nota, risponde ai dati pubblicati dalla Fondazione GIMBE, relativi all'occupazione dei posti letto e al numero dei contagi in Liguria, con le parole del suo direttore generale Filippo Ansaldi, che precisa: "Al fine di delineare correttamente il quadro di impegno del nostro sistema sanitario e di non destare panico nella popolazione vogliamo sottolineare che a fronte dei 219 posti letto di terapia intensiva della nostra Regione, i posti attualmente occupati sono 40. Siamo quindi ben lontani dalla saturazione delle terapie intensive che sembrerebbe apparire dai dati di Gimbe".

Alisa, inoltre, precisa che "l'importante incremento dei dati che è stato registrato è da riferirsi al cambiamento, che è stato successivo delle ordinanze del presidente di Regione: come anche Gimbe avrebbe potuto notare, abbiamo considerato anche retrospettivamente i tamponi positivi dei 21 giorni precedenti". "Mi pare dunque evidente - precisa il direttore Ansaldi - che l’incremento dei casi sia da attribuire a questo fatto”.

L'incremento dei positivi, per Alisa, è legato alla registrazione dei tamponi rapidi retroattiva.