Condividi:


Vaccino per i giocatori della Nazionale allo Spallanzani: c'è anche Scamacca

di Alessandro Bacci

L'attaccante rossoblù preso in considerazione dal Ct Mancini in vista degli Europei. 28 giocatori hanno ricevuto la prima dose

Giornata di vaccinazioni per i giocatori della Nazionale Azzurra in vista del prossime Europeo. Tra i 28 calciatori che hanno ricevuto la prima dose di Moderna c'è anche il genoano Gianluca Scamacca. Segno che il Ct Mancini tiene in grande considerazione l'attaccante in vista della prossima estate. Domenica il centravanti ha trovato la rete all'Olimpico su rigore proprio sotto gli occhi vigili del ct azzurro presente in tribuna. il giocatore è stato inserito nella lista dei preconvocati in vista dell'Europeo.

Il giocatore non è tornato a Genova ma si è fermato per una notte a Roma per sottoporsi alla vaccinazione. Il via libera definitivo ai vaccini per i giocatori della nazionale è arrivato dalla FIGC dopo l'ok dalla Struttura di supporto commissariale per l'emergenza Covid 19, d'accordo con il Ministero della Salute. Sono 28 i calciatori vaccinati tra Roma e Milano, in 11 hanno ricevuto la prima somministrazione di Moderna presso lo Spallanzani: Lazzari, Acerbi, Immobile, Biraghi, Castrovilli, Insigne, Meret, Di Lorenzo, Politano, Spinazzola e Scamacca. Gli altri 17, invece, sono stati vaccinati presso l'IRCCS Humanitas di Rozzano.

Allo Spallanzani ha parlato anche il presidente della FIGC Gabriele Gravina: "Questa è l'occasione per ringraziare il Governo per aver permesso di disputare qui in Italia la fase finale dell'Europeo e perché ci consentirà di far svolgere questo evento con la massima sicurezza, per quanto riguarda gli atleti – le parole del presidente della FIGC - Noi ci preoccuperemo anche della sicurezza per quanto riguarda tutti coloro i quali vorranno vivere l'evento sportivo. Secondo i principi indicati dal Governo, ci posizioniamo a valle delle fasce protette che hanno bisogno di maggiori attenzioni. Oggi 11 atleti vaccinati a Roma, a Milano altri 14-15, solo il numero di giocatori indicati da Mancini che poi sarà ristretto quando dovremo mandare la lista ufficiale della Uefa. Grazie al Governo e alla Uefa, al generale Figliuolo che ha concesso questa opportunità".