"Uniti nella diversità", il Tigullio si candida a Capitale della cultura

di Redazione

1 min, 1 sec

"Dopo la pandemia riprendiamo il lavoro di promozione del territorio"

Il Tigullio si candida a Capitale della Cultura 2024. La sfida è stata lanciata dal primo cittadino di Sestri Levante Valentina Ghio in occasione del Forum Giannini che si è svolto a Chiavari nei giorni scorsi.

L’idea è di avviare un percorso condiviso con tutte le amministrazioni del Tigullio per dare un nuovo e più forte impulso al territorio.

"Penso che le attività di promozione del territorio vadano riprese ed intensificate in modo coordinato, insieme alla Regione e insieme ai soggetti deputati a fare questo", sottolinea il sindaco di Sestri Levante. 

Le tempistiche relative alla presentazione della candidatura però sono strette: il 20 luglio è la prima scadenza, data entro la quale occorre presentare la manifestazione di interesse. Valentina Ghio si è resa disponibile a presentare, se necessario, la domanda come Comune di Sestri Levante per tutto il territorio.

"Stiamo progettando - spiega il vicesindaco di Portofino, Giorgio D'Alia - la creazione di un tunnel che collega Portofino a Paraggi con un'isola pedonale. In questo senso mi unisco per la creazione anche nel nostro piccolo comune di un miglioramento infrastrutturale che andrà poi collegato e visto con i vari colleghi amministratori. Penso ai collegamenti tra Portofino, Santa Margherita e Rapallo".