Condividi:


Ultimo e Irama verso la vittoria, Patty Pravo e Briga fanno cambiare canale

di Claudio Cabona

Pagelloni della terza serata del Festival di Sanremo 2019

-Mahmood – Soldi VOTO 7: ballata ipnotica dai ritmi avvolgenti. Bella gioventù.

-Enrico Nigiotti - Nonno Hollywood VOTO 5/6: testo profondo, ma interpretazione lacunosa e stecche da karaoke.

-Anna Tatangelo - Le nostre anime di notte VOTO 5: canzone significativa come lo scontrino di un abusivo.

-Ultimo - I tuoi particolari VOTO 7.5: la bellezza spesso è nelle piccole cose. Un Peter Pan dei sentimenti, ci piace.

-Francesco Renga - Aspetto che torni VOTO 5/6: un eterno dejavu. A quando una canzone diversa?

-Irama - La ragazza col cuore di latta VOTO 7.5: la violenza sulle donne raccontata con delicatezza e allo stesso tempo forza. Il coro gospel è una preghiera che esorcizza il dolore.

-Patty Pravo con Briga - Un po’come la vita VOTO 5: un duetto piacevole come bucare una gomma in autostrada.

-Simone Cristicchi - Abbi cura di me VOTO 8: la poesia non si spiega, si fa e basta.

 -Boomdabash - Per un milione VOTO 7: salgono sul palco e arriva il sole dal Salento.

-Motta - Dov’è l’Italia? VOTO 7.5: un grido di dolore, un grido di speranza per questo nostro Paese malandato. Un cantautore "non sanremese". Finalmente.

-The Zen Circus - L’amore è una dittatura VOTO 6+: marcia rock coraggiosa e spessa.

-Nino D’Angelo e Livio Cori - Un’altra luce VOTO 5: meglio vedere Gomorra su Netflix.