Condividi:


Il bilancio dell’allerta meteo in Liguria: frane, allagamenti e pioggia di fulmini

di Alessandro Bacci

A Genova oltre 50 interventi dei vigili del fuoco, a Quarto un albero crollato ha interrotto la viabilità, frane in via Trensasco e a Capo Noli

Termina l'allerta meteo arancione in Liguria, declassata in tutta la Regione a gialla. Tempo di bilanci in Regione con alcuni danni, per fortuna di lieve entità. I temporali e le piogge hanno colpito violentemente la Liguria per l'intera giornata ma fortunatamente il terreno ha retto la grande quantità di acqua. 

A Genova la zona più colpita è stata la Valbisagno, con diverse zone allagate. La protezione civile e i vigili del fuoco sono intervenuti per liberare velocemente i tombini ed evitare problemi maggiori. Allagamenti registrati anche nel sottopasso di Brin a Certosa. A Quarta Alta i disagi maggiori. Nel pomeriggio un albero è crollato in via dei Ciclamini bloccando la viabilità e danneggiando un'auto parcheggiata.

Oltre 50 gli interventi effettuati oggi dai Vigili del fuoco di Genova per danni dovuti al maltempo. Il lavoro si è concentrato su rimozioni alberi e intonaci pericolanti, svuotamenti di cantine e box e l'incendio di un albero colpito da un fulmine. Le zona più colpite sono state Torriglia e il bacino del Tigullio. 

Nel savonese una frana a Capo Noli ha interrotto la viabilità, ma senza danni a cose o persone. Inevitabili i disagi. Un'altra frana si è registrata in via Trensasco a Genova causando anche qui problemi alla circolazione.

Ciò che colpisce è la quantità esagerata di fulmini che hanno colpito la nostra regione. Da ogni parte della Liguria sono stati pubblicati sui social scatti di fulmini più o meno vicini alla costa che si sono susseguiti nel corso della giornata. Sia a Genova che nell'imperiese sue fulmini hanno incendiato due alberi, fortunatamente senza grandi conseguenze. 

Nessun problema particolare si è registrato nei fiumi e nei torrenti della Regione, come detto il terreno ha retto bene l'impatto della pioggia.