Spezia, Chisoli: "Subito al lavoro con Volpi. Italiano? Vogliamo trattenerlo"

di Marco Innocenti

"Lo stadio? Abbiamo già parlato col sindaco per dare il via ai lavori di adeguamento del Picco. Entro lunedì decideremo dove giocare"

Una serata che non dimenticherà mai, Stefano Chisoli, presidente dello Spezia. Ieri tutta la città si è riversata in piazza per festeggiare la promozione in Serie A della squadra di Vincenzo Italiano, conquistata pur con qualche sofferenza contro il Frosinone. "Ma noi siamo abituati a soffrire - commenta Chisoli - Siamo risciuti a coronare questo sogno che non era nemmeno nei nostri pensieri all'inizio della stagione. Proprio per questo quella di ieri è stata una gioia grandissima, per tutta la città e per noi. Il patron Volpi? L'ho sentito più volte fra ieri e oggi. Proprio in questo momento sto andando a incontrarlo perché dobbiamo ripartire subito. Dobbiamo metterci subito al lavoro per programmare. Finiti i festeggiamenti insomma, perché ci sarà da lavorare subito".

E il primo nodo da sciogliere è quello legato all'allenatore, quel Vincenzo Italiano che è nel mirino del Genoa. "Noi siamo fiduciosi di poterlo trattenere qui - spiega Chisoli - Ha un altro anno di contratto ed avremmo continuato il progetto anche se ieri sera fosse andata male. Lui poi ha fatto un capolavoro e siamo d'accordo che parleremo a breve del suo futuro ma faremo di tutto per farlo restare con noi. Poi ci sono i nostri tanti giovani talenti. Sono tanti i giovani bravi di questo Spezia, siamo molto contenti della nostra rosa e dovremo valutare bene con l'area tecnica come organizzarci per il mercato. Fino a ieri sera non sapevamo dove avremmo giocato ma ora è il momento di lavorare. Per rinforzare la rosa punteremo sulla nostra base di giovani che è molto buona".

Non meno importante, poi, la questione stadio: il Picco, così com'è, non è adatto alla Serie A. "Per ora non è pronto ma ci siamo già attivati col sindaco peracchini per programmare i lavori nel piu breve tempo possibile. Lo avremo disponibile presto ma, nel frattempo, stiamo valutando le varie ipotesi ed entro lunedì dovremo sciogliere anche questo nodo con la Lega".

Ultimo, ma non per importanza, l'affetto della città e dei tifosi. "Sinceramente non mi aspettavo quest'esplosione di gioia - ammette Chisoli - Tanti amici mi avevano detto che la città sarebbe stata capace di fare qualcosa di grande ma non mi aspettavo che anche alle 4 del mattino ci sarebbero stati tifosi in giro per la città a far festa. Un'emozione unica, che porteremo per sempre".