Allerta rossa Savona, il sindaco Caprioglio: "Il terreno non regge più"

di Redazione

Il punto sull'emergenza nel Savonese dal C.O.C (Centro Operativo Comunale) di questa mattina

Allerta rossa Savona, il sindaco Caprioglio: "Il terreno non regge più"
Questa mattina a Savona si è riunito il C.O.C (Centro Operativo Comunale) per fare il punto sull'emergenza maltempo derivata dall'allerta rossa. Ai microfoni di Telenord ha parlato il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio: "La strada per il Santuario è stata chiusa ieri, stiamo facendo accertamenti per capire se è possibile riaprirla. Abbiamo diversi eventi franosi importanti, per tutta la notte siamo stati in contatto con la Protezione Civile di Genova perché sono transitate su Savona tre celle importanti di precipitazioni. Ci auguiamo che alle 12 si possa uscire per l'allerta rossa, il terreno non regge più, temiamo tutti gli episodi franosi. Le mareggiate sono un problema perché i fiumi non possono sfociare, problemi nella zona di via XX settembre".
 
Ai microfoni di Telenord anche Marco Di Giovanni, vice prefetto di Savona. "La situazione sembra meno critica di quanto sia stata ieri. La provincia di Savona si è svegliata in una condizione migliore anche sotto il profilo idrologico. Tuttavia attendiamo altre piogge significative su tutta la provincia". Sulla viabilità: ​"La provinciale 29 che da Savona porta a Cadibona ed Altare è ancora interrotta. Continuiamo ad attenzionare il livello del torrente Sansobbia e le altre situazioni dei rivi. ​Riceviamo aggiornamenti puntuali dalla nostra provincia, siamo costantemente in contatto con i sindaci. Abbiamo avuto problemi diffusi con acquedotti, ripetitori cellulari ed erogazioni elettriche. Adesso aspettiamo la fine dell'allerta per un primo conteggio dei danni" .