Savona, sequestrati in porto 138 kg di cocaina: avrebbe fruttato 16 milioni di euro

di Alessandro Bacci

La guardia di finanza ha individuato tre soggetti che si aggiravano di notte su un'auto di grossa cilindrata nei pressi di Porto Vado

Savona, sequestrati in porto 138 kg di cocaina: avrebbe fruttato 16 milioni di euro

I finanzieri del comando provinciale di Savona hanno sequestrato 138 chilogrammi di cocaina purissima nei pressi dell'area portuale di Vado Ligure (Savona). Il valore commerciale della sostanza stupefacente, anche per l'elevato grado di purezza, viene stimato in circa 16 milioni di euro. L'operazione, nata da un'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Savona, è stata portata a termine nei giorni scorsi dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Savona.

Nel monitoraggio dello scalo portuale erano stati individuati tre soggetti che si aggiravano di notte su un'auto di grossa cilindrata nei pressi di Porto Vado. All'alt dei finanzieri avevano abbandonato l'auto per fuggire a piedi, favoriti dalla scarsa visibilità. Nella vettura i militari hanno quindi rinvenuto 4 borsoni e uno zaino, contenenti in totale 121 panetti di cocaina, impregnati dell'odore di curcuma per eludere il fiuto dei cani antidroga. Nelle successive indagini è stato individuato uno dei responsabili, un albanese di 45 anni con precedenti penali, residente a Nogara (Verona), verso il quale è stato emesso inizialmente un decreto di fermo di indiziato di delitto e dopo alcuni giorni il ricercato è stato fermato ed è stato condotto nella casa circondariale di Verona.