Condividi:


Sampdoria-Verona, il rimborso non sarà donato al San Martino: la rabbia dei tifosi

di Redazione

Negata la richiesta della Gradinata Sud, il club aderisce a una raccolta fondi

I tifosi della Sampdoria si erano subito mobilitati per far fronte all'emergenza coronavirus. I gruppi della Gradinata Sud si erano dichiarati disponibili a donare i rimborsi della partita con il Verona (giocata a porte chiuse) all'ospedale San Martino di Genova. Una proposta che ha riscontrato successo tra i tifosi blucerchiati, ma anche tra i meno appassionati di calcio. I gruppi della Sud e la Federclubs aveva chiesto alla società di attivarsi il prima possibile.

La risposta del club è arrivata pochi giorni più tardi ma si è rivelata negativa: "​Apprezzando la consueta sensibilità dei tifosi blucerchiati abbonati che hanno fatto sapere di essere disponibili a convertire in donazione il rateo partita di Sampdoria-Hellas Verona disputata a porte chiuse, l’U.C. Sampdoria segnala che, in questa particolare situazione, con gli uffici chiusi e la maggior parte del personale in quarantena, si tratta di un’iniziativa complicata da realizzare sotto tutti i punti di vista (organizzativo, amministrativo, fiscale) e con una tempistica lunga che non potrebbe consentire un aiuto immediato, e quanto mai opportuno, all’Ospedale San Martino".

Una risposta che ha scatenato la rabbia dei tifosi blucerchiati che hanno immediatamente inviato un duro messaggio alla società: "Prendiamo atto che altre società hanno dimostrato un’organizzazione e serietà sconosciute al presidente Massimo Ferrero e all’U.C. Sampdoria, per citare una formula tanto abusata in tutti i loro comunicati. (Vedi http://parmacalcio1913.com/partita-a-porte-chiuse-rimborso-…). La nostra richiesta mirava ad accumulare una somma davvero ingente in tempi molto rapidi, ma dopo 3 giorni di rimpalli tra questo e quell’addetto, la risposta è stata negativa. A ciascun Sampdoriano lasciamo la facoltà di trarre le opportune conclusioni".

Anche in un momento di emergenza come questo, la spaccatura tra la Gradinata Sud e la società appare sempre più ampia. La Sampdoria ha comunque aderito alla raccolta fondi per l'ospedale San Martino con un slogan "Genova chiama, la Sampdoria risponde presente". Per tutti i dettagli clicca qui.