Condividi:


Sampdoria, Ranieri: "Rispettiamo l'avversario ma non ci fermeremo"

di Alessandro Bacci

Il tecnico: "Dobbiamo trovare continuità, lotteremo al di là del risultato"

La Sampdoria riparte  con un umore ben diverso dopo la vittoria con la Spal. Claudio Ranieri in conferenza stampa, all'antiviglia del match con l'Atalanta, ha analizzato il momento della squadra lanciando l'appello a continuare su questa strada: "I tre punti con la Spal sono stati fondamentali per la classifica, per ritrovare la fiducia in noi stessi ma ora c'è da pensare alla prossima sfida per dare continuità a quel risultato e a quella prova. Credo che sia sempre importante creare un buon feeling tra squadra e allenatore, ci siamo messi sulla strada giusta ma bisogna continuare altrimenti perdiamo quanto fatto fino a questo momento."

Il tecnico ha poi parlato di Thorsby: "Thorsby è un ottimo esempio, un calciatore che non sta mai fermo, che ha grande quantità e starà a noi migliorarlo anche dal punto di vista della qualità."

Ranieri ha spiegato anche le scelte di formazione nelle settimane precedenti: "Ho a disposizione un buon numero di calciatori e sono tutti validi. Ogni volta cerco di mettere in campo quei giocatori che possano mettere in difficoltà senza guardare all'età. Così è accaduto con Thorsby e Augello lunedì scorso."

L'allenatore e i tifosi, adesso, attendono con ansia i gol di Quagliarella: "Quagliarella ci tiene tantissimo e capisce che se salta una o due partite non succede nulla. Lui è importante per noi e sono convinto che farà ancora molti gol con questa maglia. L'ho visto bene in questi giorni, credo sia recuperato al cento per cento"

La Samp è ripartita da una buona solidità difensiva: "Tutti partecipano alla fase difensiva, così come a quella offensiva: io dico sempre che il mio primo attaccante è il portiere. Abbiamo sistemato la fase difensiva? Stiamo lavorando, ma affrontiamo una squadra forte e dovremo stare attenti."

Il tecnico si è soffermato anche sui singoli, a partire da Gianluca Caprari: "Caprari mi è piaciuto, mi aveva lasciato un po' l'amaro in bocca la prestazione con il Bologna, invece con la Spal è entrato nella maniera giusta ed è stato anche decisivo. Voglio vedere i calciatori che danno tutto sino al novantesimo. Ramírez lo volevo già al Leicester ma furono bravi i dirigenti doriani all'epoca. Io stravedo per lui e sono sicuro che ci darà una grande mano. Gabbiadini sta bene. Depaoli è un ragazzo che ha corsa, sa spingere e mi piace". 

Un messaggio ai tifosi: "I tifosi devono continuare a starci vicino, per noi sono vitali: sono il nostro ossigeno. Non hanno apprezzato la nostra prestazione con il Lecce, ma hanno continuato a sostenerci sino alla fine e così devono continuare a fare".

Infine un'analisi sull'avversario, l'Atalanta di Giampero Gasperini: "Il prossimo avversario è molto forte: Ilicic è un campione, così come Muriel, ma in generale la squadra di Gasperini è ben costruita e gioca ormai insieme da anni. Ci vorrà una grande prestazione. Rispettiamo tantissimo l’avversario ma non ci fermeremo. Voglio far entrare nella testa dei giocatori che bisogna lottare al di là del risultato. Subiamo gol? Non mi interessa, continuiamo a lottare e poi vediamo quello che riusciamo a tirare fuori."

(Foto Uc Sampdoria)