Condividi:


Sampdoria, Ranieri furioso con l'arbitro: "Il VAR a volte funziona e a volte no"

di Alessandro Bacci

Il tecnico: "Contro Lecce e SPAL ci giochiamo la stagione, c’è poco da dire

Terzo ko di fila per la Sampdoria che crolla anche al Ferraris contro il Bologna. Una sfida che ha lasciato l'amaro in bocca a Claudio Ranieri, visibilmente arrabbiato al termine dell'incontro:“Mi preoccupa giocare anche sufficientemente bene e non vincere, ma oggi non posso rimproverare niente ai ragazzi. Nelle ultime gare posso rimproverare solo il primo tempo contro l’Inter, ma dopo il Covid giocare subito contro una squadra che ha già giocato non è facile, ci abbiamo messo un tempo per entrare in partita. Io sono soddisfatto, anche o abbiamo creati, nel primo tempo c’è stato un cazzotto in faccia a La Gumina, era rigore ed espulsione. Non so come mai il VAR a volte funziona e a volte no. Hanno detto che era fuorigioco di Colley, non mi sembra corretto. Era il nostro miglior momento, poi nel secondo tempo stavamo spingendo, c’è stato un fallo di Medel su Tonelli e l’arbitro ha lasciato proseguire. Dobbiamo giocare agli inglesi a farci male? Basta che ce lo dicano, non possiamo fare un giorno gli inglesi e un giorno gli italiani. Adesso noi ce ne andiamo a casa, abbiamo perso 2-1 e cosa vuoi dire?! Che il Bologna è stato cinico e ha fatto due gol. Ora non voglio entrare in una polemica sul VAR”.

Ora contro Lecce e SPAL due partite da dentro o fuori: “Certo, sono importantissime. Contro Lecce e SPAL la Sampdoria si gioca la stagione, c’è poco da dire”.

I segnali sono quelli di una squadra in crescita: “Io sono contento della mia squadra, sono deluso da altri fattori. Da domani non ci penso più, ma stasera sono arrabbiato”.

Ranieri ha perso la pazienza in campo contro l'arbitro: “Oggi ho perso un po’ la pazienza perché ci sono state alcune cose che non mi hanno convinto, soprattutto il rigore non dato su La Gumina. Poi il secondo gol è partito su un tackle di Medel. Questi sono episodi gravi per un arbitro internazionale che è uno dei migliori in Italia”.

Ci sono state delle ingenuità difensive? “Quando prendi gol ci sono sempre delle ingenuità. Il mondo del calcio è pieno di occasioni da gol, purtroppo ci sono dei momenti che ti vengono contro. Tolto il primo tempo contro l’Inter la squadra mi sta soddisfacendo”.

È preoccupato? “Io sono preoccupato da quando sono arrivato, ma sono certo che continuando con questa determinazione ne usciremo forti”.