Condividi:


Sampdoria, giro di boa: dall'ultimo posto alla trasformazione di 'Sir Claudio'

di Alessandro Bacci

Termina la prima parte di stagione, la semplicità l'arma in più dei blucerchiati

Termina il girone di andata di Serie A. Per la Sampdoria, viste le premesse di inizio stagione, il risultato è sicuramente positivo. Sedicesimo posto in classifica e 19 punti, una media che potrebbe assicurare la salvezza. Arrivati al giro di boa è tempo per un primo bilancio. Nelle prime sette partite la Samp con Di Francesco aveva ottenuto 3 punti e si trovava all'ultimo posto in classifica con la difesa più battuta della Serie A e un attacco asfittico. Poi l'arrivo di Claudio Ranieri e il cambiamento radicale. Il tecnico in 12 partite ha ottenuto 16 punti, una media di oltre un punto a gara. Se il campionato fosse iniziato con Sampdoria-Roma, la prima di Ranieri in panchina, i blucerchiati oggi si troverebbero all'ottavo posto in classifica. Un dato che la dice lunga sul lavoro svolto dall'allenatore. Il tecnico, però, non si sbilancia nonostante il rendimento della squadra sia andato oltre le aspettative: "Sono un positivo. Non mi aspettavo niente. Io mi aspetto gara dopo gara. Mi sono già messo dietro la partita di oggi e penso alla Lazio. Non guardo la classifica ora, la guarderò negli ultimi due mesi. Dobbiamo continuare a lottare in ogni partita".

Alle porte del girone di ritorno la Sampdoria può guardare al futuro con ritrovato ottimismo. Il paradosso è che se fino a qualche settimana fa la squadra sembrava completamente da rifondare, oggi il mercato appare quasi superfluo. Ranieri ha evitato sensazionalismi affidandosi alla semplicità e alla concretezza. Fattori che contraddistinguono oggi la Samp e che hanno riportato in breve tempo tranquillità e punti. Giocatori ai margini con Di Francesco come Chabot, Thorsby e Linetty oggi sono i punti fermi della squadra. La metamorfosi di 'Sir Claudio' è quasi completa e dopo la manita al Brescia inizia la seconda parte di stagione. Diciannove partite per certificare una salvezza che sarà comunque complicata.