Preziosi: "Juve-Napoli? II segreto di Pulcinella, la Asl è stata sollecitata"

di Redazione

Il presidente del Genoa: ""Io sono per giocare le partite in una normale condizione e quella era una condizione normale"

Preziosi: "Juve-Napoli? II segreto di Pulcinella, la Asl è stata sollecitata"

"Può essere il segreto di Pulcinella, tutti quanti forse hanno capito che l'Asl sia stata sollecitata. Però quando qualcuno che è sopra di te dice che non puoi fare una cosa, non puoi farla". Così il presidente del Genoa Enrico Preziosi, nel corso della trasmissione Mediaset 'Tiki Taka' andata in onda ieri in tarda serata, risponde alla domanda se il Napoli abbia applicato correttamente il protocollo. Ma lui, Preziosi, ha contattato l'Asl di riferimento dopo le positività della sua squadra? "Io non l'ho contattata - ha risposto il presidente del Genoa -. Quello che è successo al Napoli fa capire che nonostante ci fosse un protocollo chiaro e accettato da tutti c'è un ente superiore che si chiama Asl che può decidere per la società".

"Io sono per giocare le partite in una normale condizione - ha aggiunto Preziosi a 'Tiki Taka' - e mi sembra che quella del Napoli fosse una condizione normale". Sull'isolamento dei giocatori che forse dovrebbe essere più rigido, Preziosi ha detto che "non possiamo tenerli come i polli in una batteria. Non possiamo tenerli rinchiusi, aprire lo sportello e dirgli di andare a giocare. I calciatori sono persone, non possiamo limitare la libertà altrui. Se poi un ragazzo la sera va con un amico o in famiglia, si contagia e contagia gli altri, questo non possiamo prevederlo". Ma il campionato in corso è già falsato? "Parlare di torneo falsato dopo solo tre giornate mi sembra troppo - è stata la risposta -. Potrebbe essere falsato senza regole chiare, sicuramente è anomalo. Corre il rischio di essere falsato".