Condividi:


Ponte Morandi, la consegna della perizia sul crollo slitta al 21 dicembre

di Redazione

Ancora un rinvio da parte dei periti: "Purtroppo l'emergenza Covid non ci consente di lavorare in presenza"

È slittata ancora la consegna della perizia sulle cause del crollo del ponte Morandi, il viadotto collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. Il deposito del documento, previsto per oggi, è atteso ora entro il 21 dicembre. "Purtroppo l'emergenza Covid non ci consente di lavorare in presenza con gli ausiliari - hanno scritto i tre periti del gip - e le suddette attività, che richiedono un confronto continuo, sono svolte con notevole difficoltà, richiedendo tempi più lunghi rispetto a quanto preventivato".

Le udienze del secondo incidente probatorio per la discussione sono in programma dal primo febbraio. La perizia dovrà stabilire le cause che hanno determinato il crollo del ponte. Lo scorso anno si era concluso il primo incidente probatorio che fotografava lo stato del viadotto nel momento della tragedia. Dalla relazione erano emersi cavi corrosi ma anche difetti di realizzazione rispetto al progetto originario.

Quello concesso oggi è il sesto slittamento del termine di consegna della perizia per il secondo incidente probatorio, chiesto dalla procura di Genova a marzo 2019 e iniziato a maggio 2019, nell'ambito dell'inchiesta sul crollo del ponte Morandi, il viadotto autostradale collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. La relazione era attesa originariamente un anno fa. La perizia doveva arrivare infatti nella seconda metà del dicembre 2019, ma gli ingegneri avevano chiesto al giudice altri tre mesi per l'enorme mole di materiale e documenti da visionare e il termine era così stato fatto slittare a marzo. Era poi stato posticipato al 14 giugno a causa dell'emergenza Coronavirus, ma a maggio la scadenza era stata nuovamente aggiornata al 31 luglio. A metà luglio era stata quindi prorogata al 31 ottobre, per venir ulteriormente allungata di un mese il 16 ottobre scorso.

"Purtroppo questo covid non ci aiuta in questo momento. Non è una fase positiva per qualsiasi situazione, immaginavo potessero esserci dei problemi". E' il
commento di Egle Possetti, portavoce del Comitato Ricordo Vittime Ponte Morandi, alla notizia della nuova proroga dei termini per il deposito della perizia nell'inchiesta sul crollo del viadotto di Genova. "Speriamo che con questo tempo aggiuntivo il primo febbraio quando è fissata la data avremo delle certezze e uscirà la verità", ha detto Possetti riferendosi all'inizio delle udienze del secondo incidente probatorio. "Questa perizia è estremamente importante, speriamo in bene. Ho sentito questa mattina il mio perito, perché speravo di aver già oggi notizie. Ora aspettiamo ulteriori 20 giorni poi vedremo".