Parco Portofino, Toti: "Si farà solo se condiviso: no a imposizioni radical chic"

di Marco Innocenti

"Il ministro Cingolani è stato chiaro: non nasceranno parchi imposti per via giudiziaria e non ci saranno regole oppressive per il territorio"

Parco Portofino, Toti: "Si farà solo se condiviso: no a imposizioni radical chic"

“Nessun Parco sarà imposto da gruppetti radical chic che odiano il turismo e lo sviluppo". Così il governatore della Liguria Giovanni Toti dopo l'incontro in prefettura a Genova fra i sindaci del territorio e il ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani sul nuovo Parco di Portofino. "Il parco nazionale è un obiettivo di tutti, ma si farà solo se verrà condiviso nei suoi confini, nelle regole di sviluppo territoriale, nella governance. Non ci sarà una nuova perimetrazione e nessuna regola sarà imposta altrimenti il progetto non potrà andare avanti".

"Oggi il Ministro Cingolani è stato chiaro - aggiunge Toti - Non nasceranno parchi imposti per via giudiziaria e non ci saranno regole oppressive per il territorio. La sfida che abbiamo davanti è invece quella di trovare un progetto comune. Sarà una sfida da vincere insieme, bypassando gli estremismi ambientali e le lobby in pareo infastidite da tutto ciò che è crescita, lavoro e benessere”.