Liguria, i numeri della Fondazione GIMBE: l'incremento dei nuovi casi al 208,7%, è il più alto d'Italia

di Redazione

"Ci troviamo in una fase estremamente critica della pandemia, alcune Regioni in arancione e in rosso", così il presidente della Fondazione GIMBE Cartabellotta

Liguria, i numeri della Fondazione GIMBE: l'incremento dei nuovi casi al 208,7%, è il più alto d'Italia

L'ultimo monitoraggio della Fondazione GIMBE, relativo alla settimana 5-11 gennaio 2022 rivela, rispetto alla precedente, un netto aumento dei nuovi casi (1 milione 207 mila 689 vs 810.535) e dei decessi, 1.514, contro i 1.102 della settimana precedente. In forte crescita anche i casi attualmente positivi (2 milioni 134 mila 139 vs 1 milione 265 mila 297), le persone in isolamento domiciliare, salite a quota 2.115.395, i ricoveri con sintomi (17.067 contro i 12.912) e le terapie intensive, 1.677. 

"Nell'ultima settimana si è registrata un'ulteriore impennata di nuovi casi che hanno superato quota 1 milione e 200 mila, - spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE - con un incremento che sfiora il 50% rispetto alla settimana precedente e con una media mobile a sette giorni, che aumenta da 128.801 del 5 gennaio a 172.559 dell'11 gennaio (+34%)".

Nella settimana dal 5 all'11 gennaio si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi, dove il tasso più alto lo ritroviamo in Liguria, al 208,7%. In 56 province l’incidenza supera i 2.000 casi per 100.000 abitanti. Nello specifico, nella settimana 5-11 gennaio, in Liguria sono 1.259 i casi attualmente positivi per 100 mila abitanti, con una variazione percentuale dei nuovi casi al 208,7%, con la percentuale dei posti letto occupati in area medica da pazienti covid al 37,8% e al 19,5% quelli in terapia intensiva. Tutti i valori di riferimento evidenziano quindi un trend in peggioramento nella Regione. I nuovi casi positivi a Sar-Cov-2, per 100 mila abitanti, suddivisi per provincia, nell'ultima settimana sono così ripartiti: La Spezia 2.531, Genova 2.377, Savona 2.349, Imperia 2.206.

La Liguria si avvicina alla zona arancione: non sono più disponibili posti letto per quanto riguarda la copertura in area medica, mentre è ancora disponibile un letto per la terapia intensiva. Capitolo vaccini: in Regione è stato somministrato il 79,6% del ciclo completo, mentre il 2,9% ha ricevuto la prima dose. Per quanto riguarda la copertura vaccinale nella fascia d'età 5-11 anni, la Liguria si attesta all'1,6% per coloro che hanno ricevuto il ciclo completo, mentre è stato raggiunto il 10,7% per chi ha ricevuto la prima dose. 

"Ci troviamo in una fase estremamente critica della pandemia – dichiara Nino Cartabellotta – in cui distorte narrative ottimistiche appannano l’insufficienza delle misure per rallentare la curva dei contagi e sottovalutano i rischi per la salute delle persone e per l’economia del Paese". Dati alla mano, entro fine mese, prevede Cartabellotta, "numerose Regioni andranno in zona arancione e qualcuna rischia quella rossa".