Condividi:


La Spezia, taglio del 35% sulla Tari alle attività colpite dall'emergenza covid

di Redazione

Peracchini: "Non possiamo permetterci di trasformare una crisi sanitaria in una crisi economica e sociale"

Un taglio del 35% sulla Tari per tutte le attività economiche della Spezia colpite dall'emergenza Covid-19. L'agevolazione tariffaria sull'annualità 2020 è stata approvata dalla giunta comunale ed è riservata alle utenze non domestiche che hanno presentato istanza entro il 30 settembre. Lo sconto riguarda sia la quota fissa sia la quota variabile della tariffa.

"Una risposta concreta, a sostegno dell'economia cittadina - ha detto il sindaco Pierluigi Peracchini -. Non possiamo permetterci di trasformare una crisi sanitaria in una crisi economica e sociale". Il provvedimento, aggiunge l'assessore all'ambiente Kristopher Casati, comprende anche "quelle attività che, anche se non formalmente chiuse, hanno risentito della crisi del settore turistico".

Lo sconto, che equivale a un gettito minore per oltre 450 mila euro, accoglie le richieste avanzate dalle associazioni di categoria. "Si tratta di una promessa mantenuta - sottolinea l'assessore alle attività produttive Lorenzo Brogi -. La contrazione economica dovuta alla Covid-19 necessita di interventi strutturali forti a sostegno delle imprese, ciò che è stato creato con risorse comunali risponde in prima battuta anche alle carenze governative".