Condividi:


La Spezia, detenuto aggredisce e rompe un braccio a un agente

di Redazione

Il carcerato avrebbe schiacciato il braccio della guardia tra la porta blindata e lo stipite, soffre di problemi psichiatrici

Un detenuto psichiatrico ha aggredito e rotto un braccio a un assistente di Polizia penitenziaria intervenuto per sedare una colluttazione. È accaduto nel carcere Villa Andreino alla Spezia, con il carcerato che avrebbe schiacciato il braccio della guardia tra la porta blindata e lo stipite. L'episodio è denunciato dal segretario regionale del Sappe, Michele Lorenzo, per il quale "il carcere della Spezia è sottoposto ad una presenza di detenuti psichiatrici difficoltosi nella loro gestione. Su circa 160 detenuti, almeno 5 presentano seri problemi psichiatrici che necessitano di continua assistenza, che l'istituto non può garantire in quanto il medico psichiatrico non è sempre presente ma assicura solo poche ore settimanali. Una grave carenza che non può trovare giustificazione. I troppi detenuti psichiatrici dovrebbero essere curati nella Rems, struttura che in Liguria benché ultimata non è ancora disponibile"