Condividi:


La Liguria diventa zona verde per il rischio covid sulla mappa dell'Ue

di Alessandro Bacci

Buone notizie soprattutto per il turismo, non sono previste restrizioni per i viaggiatori provenienti dalle zone verdi

La Liguria da oggi è in zona verde ed entra a far parte delle regioni a minor rischio Covid d'Europa, secondo la mappa aggiornata rilasciata nel pomeriggio dall'Ecdc, Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. In base ai monitoraggi effettuati nelle ultime due settimane l'incidenza dei contagi, monitorata dall'agenzia dell'Unione europea, si è infatti attestata al di sotto dei 25 nuovi casi ogni 100mila abitanti con un tasso di positività del 4%.

“Parametri che ci hanno consentito di essere tra i pochi nel Paese e in tutta Europa a passare in verde - ha spiegato il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti -. L’ingresso in questa zona europea conferma ancora una volta che il virus in Liguria sta circolando sempre meno grazie alle norme di contenimento ma grazie soprattutto all’importante campagna vaccinale che da mesi stiamo portando avanti e che ci ha permesso di vaccinare, almeno con la prima dose, il 50 per cento dei liguri. La zona verde, che non prevede restrizioni per i viaggiatori che arrivano da quell’area, sarà un incentivo in più per la ripartenza della nostra Regione”.

Una un'ottima notizia soprattutto per il turismo. Gli Stati membri dell'Ue hanno concordato che non ci saranno restrizioni per i viaggiatori provenienti dalle zone verdi. Per tutti gli altri possono essere richiesti quarantena o tampone. 

La situazione continua a migliorare in tutta l'Ue, con Germania settentrionale, Romania, Polonia e Finlandia di colore verde. La Spagna centrale e meridionale e tutta l'Olanda restano in rosso. Nessuna area in Europa è classificata ad alta incidenza (rosso scuro).