Condividi:


La commissione ligure  Recovery Fund, Natale (Pd): “La Regione fa squadra”

di Antonella Ginocchio

Il neo presidente: ”E’ significativo che la presidenza sia stata affidata all’opposizione consiliare: insieme  possiamo arrivare ad un risultato importante"

La maggioranza di centrodestra, che governa la Regione Liguria, ha deciso di affidare la presidenza della commissione speciale  Recovery Fund al  consigliere Pd Davide Natale, che fa parte dell’opposizione consiliare.

“E’ importantissimo in questo momento, così particolare e difficile per il nostro Paese, riuscire a fare squadra: tutti insieme  possiamo arrivare ad un risultato importante per la nostra Regione, per le generazioni future”, ha commentato il neo presidente ai microfoni di Telenord, evidenziando che le risorse che potrebbero arrivare in Liguria sono ingenti.  “I progetti dovranno essere elaborati con la condivisone dei territori", ha ribadito l’esponente Pd, sottolineando che la nuova Commissione collaborerà con la giunta nella stesura di una sorta di “masterplan”.

Importante il ruolo del Consiglio regionale che elaborerà proposte e suggerimenti, secondo quanto evidenziato da Natale.  

"Sarà un lavoro impegnativo - ha continuato Natale - che ci chiamerà tutti a dare un contributo. Cercherò di portarlo avanti con responsabilità e con lo spirito con cui è nata questa commissione. Sappiamo tutti che questa è un'occasione che non si ripeterà. Bisognerà guardare ai progetti che saremo in grado di elaborare, più che alle risorse che arriveranno. Servono progetti per le prossime generazioni. Ci sarà grande confronto e condivisione, non dobbiamo avere paura delle idee diverse ma l'obiettivo dev'essere sempre trovare la sintesi. Ci tengo con questo a ringraziare tutti i consiglieri per la fiducia che mi hanno voluto dare".

"Auguri di buon lavoro a Davide - dice il capogruppo del Pd Luca Garibaldi - Quella del Recovery è una partita importantissima alla quale la Liguria non può presentarsi impreparata, e per questo l'elezione di Davide non può che renderci orgogliosi; preparazione e serietà per costruire una Liguria al passo con i tempi anche attraverso il coinvolgimento delle associazioni e della società civile lungo i tre filoni che devono ispirare il piano: donne, giovani e riduzione delle disuguaglianze, anche anche attraverso il coinvolgimento delle associazioni e della società civile lungo i tre filoni che devono ispirare il piano: donne, giovani e riduzione delle disuguaglianze, anche territoriali".

 

 

Condividi: