Condividi:


L'esordio di Masiello: "Grazie Bergamo. Il Genoa, se gioca così, si può salvare"

di Marco Innocenti

"Vietato commettere errori banali e fare regali agli avversari"

Non è stato un esordio facile per Andrea Masiello. Il debutto con la maglia del Genoa è stato proprio contro la "sua" Atalanta, la squadra che gli ha permesso di risorgere dopo la lunga squalifica per il calcioscommesse. "Ringrazio la gente di Bergamo perché mi ha aiutato nel momento più buio della mia carriera - ha detto a fine partita ai microfoni di Dazn - E' difficile trovare un tifo così in giro per l'Italia. Sono orgoglioso di aver raggiunto qui importanti traguardi: porterò nel cuore le loro lacrime dopo la doppia qualificazione in Europa".

Poi l'analisi sulla sua prestazione, non certo esaltante specie nel primo tempo, e sul punto strappato dal Genoa, prezioso in chiave salvezza: "Siamo venuti a Bergamo per fare la partita - ha detto - perché dobbiamo salvarci. Il calcio è questo: da tifoso dell’Atalanta spero che entrino ancora in Champions League. Il Genoa può salvarsi grazie a prestazioni come quella di oggi: l’importante è non commettere errori banali e fare regali agli avversari. Adesso mancano 17 finali da vincere".