Condividi:


Genova. Tragico schianto in auto, un 23enne e un 68enne muoiono carbonizzati

di Redazione

Un terzo giovane di 22 anni salvato da un testimone che lo ha estratto dalla vettura

Tragico incidente nella notte in corso Europa: due persone sono morte carbonizzate nella vettura su cui viaggiavano mentre una terza ha subito solo lievi ustioni.

La tragedia è avvenuta alle 2.30 nella careggiata in direzione centro. La vettura è andata completamente distrutta nel rogo: sarebbe un'Alfa Romeo Giulia, di cui però non si conosce la targa, che si è sciolta nell'incendio.

Le vittime dell'incidente sono un ragazzo siciliano di 23 anni, Bruno Lauria, cameriere, e un uomo di 68 anni, Guido Grassi, che era alla guida del mezzo, secondo quanto riferiscono gli agenti della polizia locale. Il ferito, Giuseppe Lunetta, lavorava con Lauria: ha 22 anni ed è originario di San Cataldo (Caltanisetta). Per lui solo contusioni multiple e lievi ustioni. Il giovane è stato dimesso dall'ospedale San Martino nel pomeriggio con una prognosi di pochi giorni per contusioni e lievi ustioni. Era stato aiutato ad uscire dall'auto che aveva preso fuoco da un giovane che ha assistito all'incidente.

I due giovani siciliani avevano conosciuto la vittima al volante della Giulia carbonizzata sul posto di lavoro e l'uomo si era offerto di dar loro un passaggio per tornare a casa.

Secondo la polizia locale, l'auto ha urtato uno spartitraffico, nei pressi di una pensilina per le fermate dei bus, che ha fatto da trampolino al mezzo facendo ribaltare e poi incendiare. L'incidente è avvenuto all'altezza di via Tagliamento, dove la strada si restringe per la pensilina e la fermata dei bus Amt.

Fra le ipotesi prese in considerazione per spiegare l'incidente quella dell'eccessiva velocità.

WhatsApp_Image_2020-01-12_at_06_58_00

 

 

WhatsApp_Image_2020-01-12_at_07_40_15 

WhatsApp_Image_2020-01-12_at_07_40_15_3_