Genova, solo due multe nel primo giorno di nuove regole sui monopattini

di Alessandro Bacci

Circa cinquanta le persone controllate, la polizia locale ha utilizzato la via della sensibilizzazione nelle prime ore della nuova ordinanza

Da martedì 1° giugno è entrata in vigore l’ordinanza comunale che disciplina la circolazione dei monopattini elettrici fissando nuove norme: limite di velocità a 20 km/h sull’intera rete viaria cittadina, ridotto a 6 km/h nelle zone a traffico limitato, e obbligo di indossare un casco protettivo anche per i conducenti maggiorenni che circolano sulle strade all’interno del centro abitato urbano. L’inosservanza di queste regole prevede sanzioni amministrative previste dal Codice della Strada. I monopattini elettrici possono essere condotti dal compimento del quattordicesimo anno di età, devono essere provvisti di un campanello o di un segnalatore acustico e, dove esistenti, devono transitare sempre sulle corsie ciclabili mentre è sempre vietato circolare sui marciapiedi o contromano. Sul monopattino non si possono portare persone, oggetti o animali. Mezz’ora dopo il tramonto o in particolari condizioni atmosferiche di scarsa visibilità, occorre utilizzare dispositivi di illuminazione ed indossare un giubbotto o bretelle retroriflettenti. Queste le regole principali da tenere a mente.

Nella prima giornata di ordinanza la polizia locale ha seguito la via della sensibilizzazione degli utenti. Circa un cinquantina le persone controllate, un buon numero considerando che il monopattino elettrico non è un mezzo così comune nella città di Genova. Due le contravvenzioni effettuate dai vigili. I numeri sono destinati ad aumentare nei prossimi giorni, quando la tolleranza diverrà minore. Anche i guidatori di questi mezzi inovvativi sembrano comunque d'accordo all'unanimità sull'utilizzo del casco: "È necessario".