Condividi:


Genova, esodo di Pasqua, la Stradale rispedisce indietro due famiglie dirette alla casa al mare

di Michele Varì

Una residente a Pavia, l'altra a Milano: controllati oltre duecento veicoli, venti le sanzioni

 Una famiglia di Pavia che ha tentato di raggiungere la seconda casa a Recco con il pretesto di andare a controllare i tubi dell'acqua, "è tanto che manchiamo, sapete.." hanno provato a giustificarsi, e due coniugi di Milano anch'essi diretti alla casa al mare della Riviera del levante ligure.

Sono state due le famiglie bloccate e sanzionate dalla polizia stradale di Genova nel corso dei serrati controlli approntati negli ultimi due giorni con tanto di posto di blocco nell'area di servizio di Sant'Ilario, a Nervi. Per tutti e due i nuclei familiari maxi multa di circa 400 euro per ogni persona presente in auto e obbligo immediato di ritorno a casa.

Le verifiche per impedire agli automobilisti di raggiungere le seconde case sono state coordinate dalla prefettura e sono state approntate in tutte le quattro province liguri come richiesto dal Ministero degli interni.


Anche se i numeri non sono ancora definitivi a Genova gli agenti diretti dal primo dirigente Giacinto Mattera fra ieri e oggi hanno controllato circa 200 automobilisti, di questi circa una ventina sono stati multati perché non avevano un valido motivo per uscire di casa o uscire dal territorio del proprio comune. Molti si spostavano per andare a trovare parenti o amici e fare la spesa, comunque motivi non ritenuti validi dal decreto.


Due sole, invece, come detto, le famiglie intercettate mentre tentavano di raggiungere la residenza al mare.

Lo scorso week end una famiglia di milanesi riuscita a raggiungere la propria casa al mare ad Ospedaletti, nell'Imperiese, sarebbe stata costretta a tornare indietro dalla rabbia e le minacce dei vicini di casa, sentinelle, o spie, dipende dai punti di vista, mobilitati contro i tanti, ancora troppi, furbetti che non rispettano le imposizioni del decreto del governo, di fatto, mettendo a repentaglio la salute di tutti.