Condividi:


Genova, ecco 'Caruggi': il piano da 100 punti per far rinascere il centro storico

di Redazione

137 milioni per "migliorare la qualità di vita coinvolgendo cittadini e commercianti"

Dieci ambiti di intervento, ognuno dei quali strutturato su 10 linee d'azione, 100 punti che costituiscono il piano complessivo per la riqualificazione del centro storico di Genova. Il piano, chiamato 'Caruggi', avrà a disposizione 137 milioni e 200 mila euro, la maggior parte dei quali provenienti da fondi europei e per circa 20 milioni dal bilancio dell'amministrazione. Secondo il sindaco di Genova Marco Bucci l'obbiettivo reale del piano è "aumentare la qualità di vita coinvolgendo in una logica bottom up, dal basso, chi vive, lavora e opera nel centro storico - ha sottolineato durante la presentazione ufficiale degli interventi nel salone di Rappresentanza di palazzo Tursi - mettendo insieme diversi aspetti dal commercio, alla sicurezza, dall'illuminazione alla mobilità". E ancora turismo, movida, tempo libero, interventi socio-educativi, pulizia, urbanistica. Gli interventi saranno realizzati entro un minimo di sei mesi e un massimo di 5 anni, negli auspici del Comune. "Questo progetto è il nuovo ponte - ha detto -, speriamo di applicare quel modello Genova anche in questo ambito. Ma questo progetto finirà male, saranno soldi buttati via, se non ci sarà la collaborazione di tutti, ognuno nel suo campo".

Il piano ha visto l'impegno congiunto di tutti gli assessorati del Comune, in sinergia con gli uffici dell'Urban Center, della direzione Urbanistica, del Patrimonio e della scuola Politecnica di Genova. "I primi interventi a essere realizzati saranno quelli in ambito sociale - ha aggiunto il sindaco Bucci - questo grazie alle moltissime associazioni ed enti del terzo settore che hanno collaborato". Tra le novità un co-housing per donne vittime di violenza e un albergo etico gestito da persone con disabilità, saranno potenziati i servizi di nodi e materna in orario notturno e nascerà un osservatorio per l'immigrazione con i rappresentanti delle comunità di riferimento.

A livello urbanistico, nel piano Caruggi - i 100 interventi presentati oggi a palazzo Tursi è prevista la riqualificazione di undici piazze e il recupero dei margini delle mura storiche. Si proseguirà inoltre con il progetto di concessione degli immobili confiscati alle mafie a canone zero per associazioni no profit ed enti culturali, la realizzazione di uno studentato diffuso ed eventuali demolizioni. "Vorrei che fosse fatta chiarezza una volta per tutte su questo aspetto - spiega il sindaco di Genova Marco Bucci - le demolizioni a cui pensiamo riguardano le cosiddette superfetazioni degli edifici, ovvero quelle parti spurie aggiunte nei decenni e dopo gli anni Cinquanta, con l'obbiettivo di aumentare la luce, tutto questo processo sarà portato avanti in costante dialogo con la soprintendenza e non prenderemo alcun tipo di decisioni da soli". I progetti edilizi a partire per primi saranno quelli nella zona di Pré, che sono già in parte pronti ma presto partirà una chiamata ai proprietari privati per dare la possibilità, anche attraverso i bonus pubblici, di effettuare migliorie per esempio sulle facciate e sul piano dell'efficientamento energetico.