Genova, duecento persone di fronte alla Prefettura "contro il ricatto del Green pass"

di Alessandro Bacci

"Non si lavora sotto ricatto", "Liberi di scegliere" e "No Draghi-no green pass-no Cts": sono le scritte su alcuni degli striscioni in piazza

Genova, duecento persone di fronte alla Prefettura "contro il ricatto del Green pass"

Circa duecento manifestanti si sono radunati davanti alla Prefettura di Genova per manifestare contro l'introduzione dell'obbligo del Green pass sui luoghi di lavoro. Al presidio organizzato dal sindacato Cub hanno aderito l'associazione 'Libera piazza Genova' e semplici cittadini. In piazza bandiere del sindacato e dell'Italia, mentre alcuni manifestanti brandiscono copie della Costituzione.

"Non si lavora sotto ricatto", "Liberi di scegliere" e "No Draghi-no green pass-no Cts": sono le scritte su alcuni degli striscioni in piazza. "Siamo in piazza contro il ricatto del Green pass, contro la pretesa del Governo Draghi di imporre ai lavoratori di poter accedere ai luoghi di lavoro, studio e vita sociale - spiega la Cub in un volantino -, solo attraverso l'esibizione di un lasciapassare punitivo e discriminatorio verso chi non ha accolto l'invito alla vaccinazione anti covid". Al momento non si registrano ripercussioni della protesta sul traffico cittadino.