Genova, Bucci smorza le polemiche sulla biblioteca De Amicis: "Non chiude e non sarà ridimensionata"

di Redazione

Il sindaco: "Potrebbe succedere che venga trasferita, nei prossimi 300 anni, non mi sembra che ci sia da impressionarsi"

"Voglio essere molto chiaro: la biblioteca De Amicis è importante per la città, il nosto obiettivo è aumentarla in termini di superficie e attrattività. Chi dice il contrario dice qualcosa che non è verao". Con queste parole il sindaco di Genova Marco Bucci ha voluto mettere un punto alle polemiche e proteste scoppiate negli scorsi giorni intorno alla voce di una possibile chiusura della biblioteca per ragazzi De Amicis, che ha sede negli ex Magazzini del cotone di Genova.

Sgombrato il campo all'ipotesi chiusura, il sindaco non ha escluso la possibilità di uno spostamento in un'altra sede. "Potrebbe succedere che venga trasferita, nei prossimi 300 anni, non mi sembra che ci sia da impressionarsi per questo", ha dichiarato a margine di una conferenza stampa nel pomeriggio di mercoledì".

"Abbiamo ricevuto delle richieste anche per la Città dei Bambini, per farla ancora più bella in un'altra area del Porto Antico. Questa zona, anche grazie al nuovo Waterfront di Levante, sta diventando sempre più grande, per cui abbiamo molte possibilità. Se si sposta una cosa da A a B non è un problema; di certo non si parla né di riduzione di spazi, né di  stop agli investimenti, né di mancanza di interesse per queste attività fondamentali".