Genova, Bucci: "Secondo mandato? Servirà rigenerarsi per non cadere nella routine"

di Edoardo Cozza

Il sindaco del capoluogo spiega al Foglio: "Chiarezza sulla Resistenza? In quegli anni sarei andato a combattere in montagna coi partigiani di Gastaldi"

Genova, Bucci: "Secondo mandato? Servirà rigenerarsi per non cadere nella routine"

Marco Bucci, sindaco uscente di Genova e ricandidato alla guida della coalizione di centrodestra, si racconta in un'intervista al quotidiano 'Il Foglio'. Innanzitutto la squadra che lo sostiene: compatta e ancor più ampia, visto anche l'appoggio di Italia Viva: "Ho proposti a tutti, anche al Pd, di lavorare assieme per alzare l'asticella della città. Ho escluso dal ragionamento solo i 5 Stelle, perché vogliono disfare e non possono lavorare con chi vuol fare". 

Bucci si toglie un sassolino dalla scarpa (“Tutti cercano il consenso, a noi piace ottenerlo facendo le cose. E non mi piacciono le bugie") e poi affonda anche sul 25 aprile, la Festa della Liberazione che lo ha visto al centro di qualche polemica negli ultimi giorni: "Mi dicono che devo essere più chiaro sul tema della Resistenza e sono chiarissimo, se avessi vissuto in quegli anni sarei andato a combattere in montagna con i partigiani del comandante Gastaldi".

Infine i propositi di rinnovamento di programmi e, chissà, della squadra: "Se vinceremo, non solo finiremo quanto iniziato, ma il secondo mandato avrà bisogno di una rigenerazione per non cadere nella routine".