Genova, 310 kg di rifiuti di plastica raccolti dal Seabin al Porto Antico

di Alessandro Bacci

Il bilancio a un anno e mezzo dall'installazione dell'innovativo "cestino". È l'equivalente di 20 mila bottigliette di plastica da 0,5L

Oltre 310 kg di rifiuti galleggianti raccolti in un anno, l'equivalente in peso di oltre 20.000 bottigliette di plastica da 0,5L. Questi i dati annunciati da GROHE, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, a un anno e mezzo dall’installazione nell’area portuale del Porto Antico di Genova del Seabin promosso da LifeGate PlasticLess®. Il progetto, partito nel 2018, ha l’obiettivo di contribuire alla diminuzione dell’inquinamento dei mari attraverso la raccolta dei rifiuti plastici nelle acque dei porti e nei circoli nautici e di promuovere un modello di economia e di consumo circolare.

Grazie a questo Seabin, un innovativo “cestino salva mari e oceani” che permette di raccogliere, ogni anno, fino a mezza tonnellata di rifiuti plastici e microfibre, sono state raccolte soprattutto microplastiche. Queste ultime, anche se minuscole e estremamente  leggere, sono le più dannose per l’ecosistema; la loro raccolta diventa, infatti, fondamentale per evitare che si trasformino in nano plastiche, particelle talmente piccole in grado di penetrare direttamente nei muscoli dei pesci con conseguenze dannose per la loro salute e per l’intera catena alimentare.