Condividi:


Genoa-Verona, Juric ribadisce: "Sarà una partita seria"

di Redazione

Il tecnico: "I sospetti mi fanno schifo, noi andiamo là per giocarcela sino alla fine"

Una partita vera. E' quella che giocherà il Verona contro il Genoa. Vera perchè conta moltissimo soprattutto per i rossoblù di Nicola. Vera perchè il Verona vuole onorare un grande campionato e mettere a tacere voci fastidiose circa un atteggiamento remissivo nella trasferta ligure. Lo sottolinea con forza il tecnico gialloblù Ivan Juric che nella conferenza stampa di presentazione della sfida parte proprio da questo punto. "L'ultima partita col Genoa? Pretendo che i ragazzi facciano una partita seria, interpretata nel modo giusto, sempre con la massima attenzione. Chi ama il calcio, come noi, è giusto che onori questo impegno, ed è questo il modo in cui la stiamo preparando, qualsiasi altro tipo di discorso non può che darmi fastidio, e tanto."

Il tecnico ha poi parlato della formazione: "Avremo nuovamente Rrahmani, mentre in porta ci sarà ancora Radunovic, che si è meritato la riconferma". Certo che gli intrecci sono tanti, li ammette lo stesso Juric. "Io al Genoa ho trascorso nove anni, Veloso ha sposato la figlia del presidente, da loro quest'anno sono arrivati tanti giocatori, non c'è dubbio che qualche sospetto possa esserci. Ma posso assicurare tutti che noi andiamo là per giocarcela sino alla fine. Questi sospetti mi fanno schifo, all'estero queste cose non le pensa nessuno".

Juric ha parlato anche della prossima stagione. E del mercato che attende il Verona. "Ci servono 15 giocatori nuovi. Per nuovi intendo anche quelli che dobbiamo riscattare, che sono da noi in prestito. Pessina deve rimanere per forza, non posso immaginare che vada via, sia per noi che per lui. In attacco voglio migliorare". Tra i vari prestiti da confermare, oltre a quello di Pessina con l'Atalanta, ci sono i casi di Gunter con il Genoa, di Verre con la Sampdoria e di Salcedo e Dimarco con l'Inter. Insomma un Verona che dovrà lavorare duramente per confermare lo straordinario campionato di quest'anno. "Partiamo da una base migliore dello scorso anno, quando comunque l'obiettivo è sempre stato quello di salvarci, base alla quale aggiungere elementi importanti per creare una rosa competitiva".