Ferraloro (Ance): "L'Italia non è in grado di rispettare i tempi del Pnrr"

di Redazione

"È necessaria una revisione globale e la concentrazione dello sforzo e delle risorse sui progetti davvero strategici per affrontare le emergenze".

Ferraloro (Ance): "L'Italia non è in grado di rispettare i tempi del Pnrr"

"Se davvero è emergenza, allora consideriamola tale e finiamola con l'ipocrisia. L'Italia, ad oggi, non è in grado di rispettare i tempi imposti dall'Europa per la presentazione dei progetti, e ancor di più per il completamento dei lavori inseriti nel Pnrr. Inoltre l'emergenza energetica e materie prime essenziali per il Paese ha profondamente modificato il quadro di riferimento. È necessaria quindi una revisione globale del Pnrr e la concentrazione dello sforzo e delle risorse sui progetti davvero strategici per affrontare le emergenze".

E' la denuncia di Emanuele Ferraloro, presidente di Ance Liguria. "È indispensabile - afferma Ferraloro - avviare subito un confronto con l'Unione europea per rinegoziare tempi e contenuti del Pnrr, epurando da questo piano gli interventi che nulla hanno a che fare con efficientamento tecnologico, resilienza, riconversione energetica, infrastrutture. Bisogna puntare sulle opere che posso essere completate in tempi relativamente brevi, e che possono servire al sistema Paese".

Secondo Ance Liguria: "Sarebbe sensato pensare alla valorizzazione di parchi e giardini, alla rigenerazione culturale dei borghi antichi, così come previsto nel Pnrr se le ultime emergenze non avessero confermato le debolezze strutturali del nostro Paese e se non ci trovasse sull'orlo di una crisi economica, energetica, logistica e di approvvigionamenti strategici. E il caso Liguria in questa ottica è destinato a diventare emblematico".