Esselunga pronta all'apertura a Sampierdarena: martedì la discussione a Tursi

di Alessandro Bacci

Nell'area di San Benigno nascerà un centro commerciale da 3.200 metri quadri, dura risposta da parte dei commercianti

Esselunga può prepararsi a organizzare il secondo sbarco a Genova dopo l'apertura del primo punto vendita a dicembre. Oggi in commissione consiliare, tra le critiche dell'opposizione, delle associazioni di categoria del commercio, dei civ e del municipio Centro Ovest, la giunta Bucci ha presentato l'aggiornamento al piano urbanistico per l'area di San Benigno, a Sampierdarena, dove nascerà appunto un centro commerciale del marchio lombardo da 3.200 metri quadri. Domani, martedì, in consiglio comunale la delibera sarà presentata e, salvo colpi di scena, approvata.

"La leggerezza e la fretta con cui domani si porterà in consiglio comunale quello che l’amministrazione definisce “un mero aggiornamento al Puc”, per un’operazione in realtà epocale come quella di San Benigno, è semplicemente una vergogna-, attacca Massimiliano Spigno, presidente di Confesercenti Genova, a margine dei lavori della commissione consiliare. "È come se venisse ricostruita, di fatto, la collina di San Benigno - prosegue Spigno -, ovvero una nuova barriera che rappresenterà un vincolo per la cittàl'impatto sulla viabilità sarà infatti notevole, andando a peggiorare la situazione a fronte di anni di cantieri autostradali ancora da gestire, del principale accesso al porto per 1,3 milioni di crocieristi e 2,1 milioni di passeggeri dei traghetti e di un assetto del nodo di San Benigno non ancora definito. Il commercio di Sampierdarena sarà definitivamente soffocato tra 24.850 mq di superficie commerciale lorda a Fiumara e le altre decine di migliaia di metri quadrati di Campi, da un parte, ed il centro commerciale del Terminal Traghetti con superficie commerciale lorda di 9279 mq, cui va aggiunta la superficie lasciata da Globo nella vicina via Dino Col e, ora, l’ennesima struttura di vendita."