Elezioni regionali Liguria, mandato a Farello di ricompattare la coalizione nel nome di Bandiera

di Antonella Ginocchio

Il segretario regionale dem proporrà la candidatura a presidente della Liguria, nel tavolo centrosinistra-M5s di oggi

Elezioni regionali Liguria, mandato a Farello di ricompattare la coalizione nel nome di Bandiera

A tarda ora la direzione regionale del Pd si è fatta strada con la decisione di dare al segretario Simone Farello il mandato per tentare di ricompattare la coalizione centrosinistra-Movimento 5 Stelle sotto il nome di Paolo Bandiera, uomo del Terzo settore. La sua candidatura a presidente della Regione Liguria potrebbe riunire l’intera coalizione dall’area progressista, al Movimento 5 Stelle, all’ala più moderata. Almeno questa è la speranza dei Dem.

Le resistenze a Bandiera erano venute proprio da Italia Viva che preferirebbe Aristide Massardo. Ma il Pd spera che Bandiera, figura moderata e civica, possa alla fine incontrare il favore anche del partito di Renzi. Di certo la figura di Bandiera viene ritenuta capace di attirare l’elettorato moderato, magari anche quello che al momento non vota, perché non si riconosce in nessun schieramento.

Se non si troverà un’intesa sul nome di Bandiera, il segretario Dem chiederà comunque che si scelga un candidato che rispetti il programma già stilato, che sia capace di tenere unita la coalizione e che abbia un immediato mandato per fare sintesi tra le diverse forze. In campo resta con forza Ferruccio Sansa, giornalista del Fatto quotidiano. Comunque sia, il Pd vuole che mercoledì la coalizione abbia il candidato alla presidenza della Regione Liguria, prima che arrivi sera.