Condividi:


Crociere, la ripartenza dal 1° agosto è a portata di mano

di Redazione

Sisto (dg Confitarma): "Manca solo l'approvazione del protocollo sanitario: senza quello non si può fare nulla"

Una misura attesa da tutto il mondo crocieristico che giorno dopo giorno vede avvicinarsi sempre più la possibilità di una ripartenza a partire dal 1° agosto. "Prima di tutto mi fa molto piacere che col decreto si sia creata una condizione per ripartire - spiega Luca Sisto, dg di Confitarma - La situazione è complessa perché decadono gli effetti del precedente dpcm che aveva inibito i servizi crocieristici fino al 31 luglio. Se tutto va bene quindi abbiamo 10 giorni per adottare il protocollo su cui abbiamo lavorato con tutti gli attori del settore per riprendere i servizi. Il valore del settore delle crociere in Europa vale 48 miliardi di euro e dà 400mila posti di lavoro. Un quarto di questo pacchetto è in Italia. Oltre un miliardo di euro al mese fra impatto diretto e non e 100mila persone che lavorano intorno a questa industria mobile del turismo. Ridare ossigeno e vita a questo settore è un bene anche per l'indotto, settore senza salario da quando è iniziato il lockdown".

"Le escursioni saranno soggette a particolare attenzione - prosegue Sisto - Costa Crociere, unica compagnia a battere bandiera italiana, ha già predisposto un protocollo per far sì che questa vengano effettuate in sicurezza e con il dovuto distanziamento. Il nostro parlamento ha già consentito la ripresa dei servizi crocieristici tra i soli porti italiani nel decreto legge semplificazioni. Ci manca solo l'ultimo tassello, quel protocollo sanitario che è stato oggetto di grande lavoro anche coinvolgendo l'industria affinché i passeggeri possano ripartire in sicurezza e dare vita al marketing territoriale per l'Italia".