Covid, Costa: "Un anno fa 33000 ricoverati, oggi 4000 grazie a chi si è vaccinato"

di Alessandro Bacci

Il sottosegretario: "Il green pass strumento fondamentale. Ulteriori restrizioni? Non dovrebbero essere pagate da chi si è vaccinato"

Covid, Costa: "Un anno fa 33000 ricoverati, oggi 4000 grazie a chi si è vaccinato"

"La situazione oggi nel nostro Paese è diversa rispetto a altri Paesi europei in cui le cose vanno male, perché altrove la percentuale di vaccinati è di gran lunga inferiore. Abbiamo avviato un percorso prudente di ritorno alla normalità e il green pass è stato uno strumento fondamentale. Dobbiamo guardare alle prossime settimane con prudenza e responsabilità, ma la situazione è del tutto diversa rispetto a un anno fa, grazie a chi si è vaccinato. Avevamo, lo scorso anno di questi tempi, 33.000 ricoverati in ospedale e oggi sono 4.000. Avevamo 3.700 ricoverati in intensiva, oggi 500. Tutto questo grazie a vaccini". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenendo a su Tg2 Italia, su Rai 2.

"Non parlerei di lockdown per no vax, ma se dovesse esserci un peggioramento che determini un passaggio in arancione di alcune regioni, credo che le chiusure e le restrizioni di attività che vengono determinate da tale passaggio, non debbano esser pagate da chi si è vaccinato. Quindi, in quel caso, chi non è vaccinato dovrebbe poter continuare a lavorare, ma credo che andare a ristorante, cinema e teatro siano opportunità che debbono essere limitate a chi si è vaccinato". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenendo a su Tg2 Italia, su Rai 2, rispondendo a una domanda rispetto all'eventualità di un lockdown come in Austria.