Condividi:


Coronavirus, arrivati al San Martino 720 test rapidi per individuare il contagio

di Redazione

Donati dalla Cina, con una puntura sul dito si preleva il sangue e in 15 minuti c'è risultato

L’Ospedale Policlinico ‘San Martino’ di Genova ha ricevuto dalla Cina un nuovo test per individuare il Covid-19. Il Laboratorio di Virologia, diretto da Giancarlo Icardi, ha ricevuto in regalo 720 campioni di un nuovo test che rivela la presenza di anticorpi Covid-19 e può consentire screening più rapidi sulla popolazione. Sono stati donati dalla signora Yu, donatrice cinese privata di Hanghzou, spiega una nota di Confindustria Genova. L’iniziativa è stata resa possibile dall’Unione degli imprenditori italocinesi, dalla società Livolsi & Partners di Milano, che rappresenta in Italia la “Health Industry Association” cinese e da Fremslife, start-up biomedicale genovese. Fremslife ha in corso la procedura di registrazione del test al Ministero per poterlo importare e distribuire in Italia. I test arrivati a Genova grazie alla donazione privata, dispongono già della certificazione CE del produttore cinese.

La procedura é veloce: si fa un prelievo di sangue capillare, pungendo un dito, si mette una goccia (circa 5 microlitri) di sangue nella provetta del device, spiega l'azienda, si aggiunge un buffer specifico, si aspetta la reazione (10’-15’). Il test individua la presenza di anticorpi (immunoglobuline: IgG/igM) specifici del COVID-19, prodotti dall’organismo in presenza dell’infezione da coronavirus. Il risultato si legge direttamente sul kit, a seconda delle tacche che vengono evidenziate.