Bolzaneto, distrutta la corona d'alloro dedicata ai Partigiani in via Custo

di Marco Innocenti

Il presidente del Municipio Federico Romeo: "Un gesto vile. Faremo in modo che torni presto al suo posto"

Bolzaneto, distrutta la corona d'alloro dedicata ai Partigiani in via Custo

E' stata vandalizzata, strappata dal muro dove ogni 25 aprile viene apposta durante le celebrazioni per la Festa della Liberazione e gettata a terra con violenza, per frantumarla in un gesto vile e denigratorio. La corona d'alloro in memoria dei partigiani caduti nella lotta contro il nazifascismo, però, tornerà presto al suo posto. Siamo a Bolzaneto, in via Custo, proprio all'esterno degli ex uffici comunali, dove oggi hanno sede la Casa della Resistenza, la biblioteca del quartiere e il museo della montagna.

"La Corona dedicata ai Partigiani tornerà presto al suo posto, a Bolzaneto - ha promesso il presidente del Municipio V Valpolcevera, Federico Romeo - Ogni nome scolpito su quei marmi è il sacrificio di tanti uomini e donne della nostra Valpolcevera, per la lotta di Liberazione dal nazifascismo. Ci sono nuove generazioni che nelle scuole della nostra Vallata hanno conosciuto e imparato la storia, il sacrificio per la democrazia, l’uguaglianza, la libertà e il valore della Repubblica nel nostro Paese. A queste nuove generazioni, di cui faccio parte, guardo con speranza per il futuro. Un futuro che deve passare dal ricordo, ma anche dall’impegno per l’oggi e il domani. Il mio sguardo lo rivolgo lassù ai nostri Partigiani e a loro chiedo scusa per questo vile gesto".