Condividi:


Bologna-Spezia 4-1, bianconeri annichiliti e mai in partita

di Edoardo Cozza

Giornata storta per la compagine di Italiano, che subisce due break: quello della ripresa firmato Svanberg decisivo in una gara mai in discussione

Sconfitta ampia nel punteggio e nel gioco: lo Spezia visto contro il Bologna è troppo brutto per essere vero. Il risultato finale dice 4-1 per gli emiliani, che hanno anche colpito due legni, mentre i bianconeri, al netto della rete di Ismajli, non hanno mai dato l'impressione né di poter riaprire la gara, né di poterla disputare ad armi pari. 

In un amen, infatti, il Bologna ha trovato il doppio vantaggio: già dopo 11 minuti i rossoblù hanno usufruito di un rigore (tocco di braccio di Bastoni su un lancio di Svanberg) che Orsolini non ha fallito. Al 18' il 2-0, con Barrow che ha approfittato del delizioso assist di Soriano. I rossoblù erano in pieno controllo del match, ma il gol di Ismajli sembrava poter destare gli ospiti, fin lì abbastanza evanescenti. La gara, però, non ha preso un'altra piega: Barrow ha colpito un palo e andare al riposo sotto di un gol poteva dare ancora qualche speranza allo Spezia.

Nella ripresa, però, il protagonista che non ti aspetti: è Svanberg, che sfrutta due azioni da corner per firmare una doppietta. Due pietre tombali sulla partita dello Spezia, che ringrazia anche la buona sorte (nello specifico la traversa su cui sbatte il sinistro di Orsolini) che permette al punteggio di allargarsi ancora di più. 

Per il Bologna la salvezza è ormai raggiunta, per lo Spezia qualche preoccupazione in più: i punti sulla terzultima sono 7 e ci sono tre squadre di mezzo, ma bisogna continuare a vivere sul "chi va là" per evitare brutte sorprese e ritrovarsi con ansia e fiato corto nel finale di campionato.