Autostrade liguri, la preoccupazione dei sindaci del Tigullio

di Marco Innocenti

"A rischio gli sforzi di chi sta lavorando per ripartire dopo l'emergenza coronavirus"

Autostrade liguri, la preoccupazione dei sindaci del Tigullio

Nell'ennesima giornata di caos delle autostrade liguri, con lunghe code fra Varazze e Pra' e fra Ovada e la A10, a far sentire la propria voce e la preoccupazione di un intero territorio sono i tre sindaci di Portofino, Santa Margherita e Rapallo, Matteo Viacava, Paolo Donadoni e Carlo Bagnasco.

"I lavori in corso sulle tratte autostradali liguri - sottolineano in un comunicato congiunto - stanno arrecando gravi disagi per il collegamento carrabile del Golfo Tigullio. Oltre alle esenzioni sulle tratte autostradali è fondamentale in questo frangente l'azione di pressing che Regione sta esercitando sul Ministero affinché questi lavori importanti per la sicurezza terminino entro il 30 giugno, come concordato, altrimenti sarebbe un enorme danno per la nostra stagione estiva".

"Risulta difficilmente comprensibile - proseguono Viacava, Donadoni e Bagnasco - che questi lavori non siano stati portati avanti dai concessionari durante il lungo periodo di lockdown. Confidiamo che lo Stato e il Concessionario tengano conto delle necessità del nostro territorio, anche per rispetto delle amministrazioni e dei tanti operatori turistici e commerciali che stanno lavorando per la ripartenza".