Autostrade in Liguria, gravi disagi al mattino su A10 e A12. Notte infernale a Ponente

di Alessandro Bacci

Oggi il tavolo a Roma con la De Micheli, sopraelevata a Genova bloccata per incidente, secondo scontro in autostrada tra un tir e una moto a Pegli

Autostrade in Liguria, gravi disagi al mattino su A10 e A12. Notte infernale a Ponente

Ancora code sulle autostrade della Liguria in questo lunedì 15 giugno. Già intorno alle 9 si segnalano sei chilometri di coda in A10, tra Arenzano e Pegli in direzione Levantee tre chilometri tra Nervi e il bivio A12/A7. Rallentamenti anche sulla Milano-Serravalle in direzione Genova dall'allacciamento A7/A12. Disagi anche tra Rapallo e Recco (in direzione Genova) e tra Chiavari e Rapallo.
In mattinata la situazione peggiora anche per un incidente stradale tra Genova Pegli e Genova Prà in direzione Genova. Per cause ancora in via d'accertamento si sono scontrati un tir e una moto. Il motociclista ha avuto la peggio: è stato trasferito in codice rosso in ospedale. Sul posto Polstrada, ambulanza inviata dal 118 e vigili del fuoco.

Gli automobilisti ieri sera hanno vissuto un vero e proprio inferno. Nelle ore serali si sono registrati 10 chilometri di coda tra Varazze e il bivio A10/A26. L'alternativa era percorrere l’Aurelia da Cogoleto a Voltri, ma anche qui il traffico è rimasto paralizzato per ore. 7 chilometri di coda si sono registrati tra Rapallo e Recco, in direzione Genova. Nel tardo pomeriggio si erano formati 4 chilometri di coda anche sull’A10 tra Spotorno e Savona, direzione Levante. Insomma i primi ritorni dopo un weekend di pseudo-normalità hanno bloccato l'intera rete autostradale. 

In città si registrano code in sopraelevata in direzione Ponente. Un piccolo incidente ha bloccato la strada inevitabilmente. Insomma, una nuova mattinata non facile per la mobilità a Genova.

Intanto oggi a Roma la ministra Paola De Micheli ha convocato Regione Liguria, Autostrade per l'Italia, Anas e Rfi per un tavolo. La decisione è arrivata dopo i pesantissimi disagi di venerdì scorso. Si parlerà della riorganizzazione dei cantieri e di nuove misure per cercare di tamponare la situazione.