Aurigo, scarcerati l'ex sindaco Luigino Dellerba e l'imprenditore Vincenzo Speranza

di Edoardo Cozza

I due, arrestati con l'accusa di corruzione per un presunto giro di tangenti, ora sono ai domiciliari, così come il fratello di Speranza, Gateano

Aurigo, scarcerati l'ex sindaco Luigino Dellerba e l'imprenditore Vincenzo Speranza

Dopo poco più di un mese dall'arresto, sono stati scarcerati l'ex sindaco di Aurigo e consigliere provinciale Luigino Dellerba e l'imprenditore Vincenzo Speranza, titolare della ditta Edilcantieri Costruzioni Srl. Entrambi si trovano ora agli arresti domiciliari, come richiesto dai loro avvocati che nei giorni scorsi, subito dopo gli interrogatori in Procura a Imperia, avevano presentato istanza di scarcerazione.

L'ex amministratore, che è stato sospeso dalla prefettura, e l'imprenditore sono accusati di corruzione per un presunto giro di tangenti volto a favorire l'aggiudicazione di appalti pubblici. Ai domiciliari resta anche Gaetano Speranza, fratello di Vincenzo, indagato per corruzione e abuso d'ufficio in concorso nell'ambito della stessa inchiesta: i suoi legali, gli avvocati Roberto Trevia e Alessandro Moroni, non hanno presentato istanza di scarcerazione.

Il 30 giugno Luigino Dellerba era stato interrogato per quasi dieci ore dal sostituto procuratore Barbara Bresci, a un mese esatto dal giorno in cui i carabinieri di Imperia lo avevano arrestato in flagranza di reato quando era uscito dalla sede della Edilcantieri con una busta contenente 2 mila euro in contanti. A inizio giugno le manette erano scattate anche per l'ex carabiniere in congedo Gaetano Speranza.