Arenzano, capriolo agonizzante salvato da un gruppo di ragazzi

di Alessandro Bacci

I giovani hanno chiamato i soccorsi e con del materiale di fortuna sono riusciti ad accompagnare l'animale sulla strada in attesa dei volontari

Una normale escursione sulle alture di Arenzano si è trasformata in una missione di salvataggio. Alcuni ragazzi durante una passeggiata si sono imbattuti in un capriolo steso a terra agonizzante. L'animale non riusciva a muoversi e aveva degli spasmi probabilmente causati da un trauma al sistema nervoso centrale.
 
I giovani hanno chiamato subito i soccorsi. I volontari dell'Enpa hanno fornito le indicazioni al gruppo di ragazzi che, armati di materiale di fortuna, sono riusciti a portare il capriolo vicino ad una strada che passava per il bosco. Qui hanno pazientemente aspettato al buio e al freddo l'arrivo dei volontari. Un gesto che probabilmente salverà la vita all'animale, preso in cura dai volontari.
 
"Non possiamo che ringraziare queste persone, senza di loro il soccorso non avrebbe avuto successo e ci fanno percepire ancora un forte senso di responsabilità e di empatia da parte dei cittadini che si prodigano per la fauna selvatica." Afferma con orgoglio l'Enpa di Genova.