Condividi:


ArcelorMittal, nuovo incontro governo-sindacati al Mise

di Redazione

Patuanelli: "Taranto ha ferite sanguinanti da suturare"

Nuovo incontro oggi pomeriggio al Mise fra governo e sindacati sulla vertenza con ArcelorMittal. Il ministro Stefano Patuanelli ha illustrato gli ultimi sviluppi della trattativa e il piano proposto dall'esecutivo nell'ultimo vertice con il colosso franco-indiano. 

"Il territorio di Taranto ha ferite sanguinanti da suturare" ha detto il ministro Patuanelli, che ha anche ribadito gli "elementi intoccabili" del piano del governo. Tra questi una produzione di acciaio non inferiore 8 milioni di tonnellate l'anno, tutelando così i livelli occupazionali, e una presenza diretta dello Stato nel capitale con una soluzione che è ancora allo studio del Ministero dell'Economia. Poi i forni elettrici da affiancare al carbone, tutela dell'occupazione, la cassa integrazione per accompagnare il piano per il quale è prevista una durata di quatto o cinque anni.

Nel corso dell'incontro, poi, il ministro avrebbe anche assicurato che il piano industriale su cui sta lavorando l'esecutivo resterà valido anche nel caso di un'uscita di scena di ArcelorMittal e dell'arrivo di un nuovo azionista privato, in una diversa compagnie societaria con la presenza dello Stato.