8 marzo, la Centrale Operativa di San Martino: "Importante conoscere app 'Where are u"

di Redazione

In casi di violenza e maltrattamenti la app rileva la posizione e la mostra sul telefono al momento della telefonata. Con la "Chiamata Muta" non si deve nemmeno parlare

8 marzo, la Centrale Operativa di San Martino: "Importante conoscere app 'Where are u"

In occasione dell'8 marzo la Centrale Operativa 112/118 del policlinico San Martino sottolinea l'importanza dell'app ufficiale del Numero Unico di Emergenza 112, 'Where Are U' e ancor di più della 'Chiamata muta'.

L'app, scaricabile sul proprio smartphone, in caso di emergenza permette alla centrale operativa del Nue 112 di rilevare la posizione esatta del chiamante, anche nel caso in cui la persona in pericolo non sia in grado di dare precise indicazioni sulla sua posizione.

La app rileva la posizione tramite gps e/o rete dati e la mostra sul telefono. Al momento della chiamata la posizione viene trasmessa tramite rete dati o sms, secondo il canale di trasmissione ottimale, sempre garantendo l'invio e la ricezione della stessa. Se la situazione di emergenza non consentisse di parlare (per esempio, un caso di violenza domestica o di immediato pericolo), con 'Where Are U' è possibile effettuare una 'Chiamata Muta' che, con appositi pulsanti, consente di segnalare il tipo di soccorso richiesto.

L'operatore avrà modo di conoscere l'esatta posizione del chiamante, ascoltare i rumori ambientali e trasferire rapidamente chiamata e dati all'ente indicato dall'utente.

"Nel sistema del Numero Unico di Emergenza 112 l'applicativo 'Where Are U' - spiega Paolo Frisoni, direttore del Servizio territoriale di emergenza 112 & 118 - rappresenta un valore aggiunto, capace di fare la differenza in situazioni di reale pericolo. I nostri operatori sono tutti formati per gestire al meglio questa nuova tecnologia".

Per Arcangela Farina, infermiera e coordinatrice dell'emergenza territoriale 112 & 118 "tutti devono essere a conoscenza dell'esistenza della app. L'utilizzo della 'chiamata muta' può essere un aiuto fondamentale nella richiesta di soccorso in situazioni critiche come la violenza di genere. Anche bambini e adolescenti devono sapere che, in caso di bisogno o pericolo, possono mettersi in contatto con il 112 usando l'app".