Ventimiglia, una "Strada balcone" fra Italia e Francia

di Redazione

Il progetto transfrontaliero mira alla valorizzazione di una zona dal grande fascino. Il vicepresidente della Regione Piana: "Promuovere in modo concreto il nostro territorio"

Ventimiglia, una "Strada balcone" fra Italia e Francia


Si chiama "Strada balcone" il progetto transfrontaliero che ha l'obiettivo di valorizzare i paesaggi, i borghi e la cultura del territorio alpino, al confine tra l'Italia e la Francia.

"Valorizzare e far conoscere le eccellenze paesaggistiche dell'area transfrontaliera, è uno strumento indispensabile di crescita, sviluppo e occupazione dei nostri territori", ha affermato Enrico Lupi, presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria, alla presentazione del progetto 'Pays Aimables'. Ed ha aggiunto: "Sviluppare la collaborazione Italia-Francia è sicuramente la chiave per una concreta ripresa dopo l'emergenza della pandemia".

Dal mare, agli uliveti, alle zone incontaminate dell'entroterra, la Liguria propone una "Strada Balcone" che attraversa quattro aree e si sofferma a contemplare sette punti panoramici, individuati come "balconi" in Italia.

Sono: "Funtanin" (Ventimiglia), sopra il porto turistico di Cala del Forte; la "Curva del Marzocco", sopra San Romolo, a Sanremo; Castellaro; Santa Brigida (Dolcedo); Monte Acquarone (Lucinasco); Diano Castello e "La Torretta", nel Comune di Ranzo.

"Il progetto Pays Aimables - ha aggiunto Alessandro Piana, vicepresidente della Regione Liguria con delega al marketing territoriale - è tra i più dinamici all'interno dei programmi Interreg Alcotra. La sua forza è quella di mettere a sistema istituzioni, imprese e operatori per promuovere in modo concreto il nostro territorio".